fotogallery

Abbastanza spazio per la più tenera delle attenzioni, Progetto Archeology

Il laboratorio artistico di Ca’ Giustinian in questi giorni è la sede del Progetto Archeology, che sarà presentato al pubblico il prossimo 23 giugno. La coreografa Elisabetta Consonni con un’equipe composta da Cristina Pancini, artista-diarista, Andrea Montesi, architetto, e Adriano Cancellieri, sociologo urbano, porta avanti la proposta di Virgilio Sieni in un laboratorio di creazione che coinvolge danzatori e amatori, grandi e piccoli. Abbastanza spazio per la più tenera delle attenzioni, questo il titolo dato al lavoro di raccolta di tracce, espressioni, gesti, margini, dettagli e spazi, indagando sulla città e sui suoi segni. Abbiamo seguito alcuni momenti del laboratorio, sia di studio sia di attuazione e ricerca attraverso gli spazi urbani, e ci siamo fatti travolgere dal mood di questa danza-invasione nella città. Non vogliamo rovinarvi la possibilità di scoprire da soli quello che sta lentamente accadendo tra le calli di Venezia, ma vi possiamo anticipare qualche foto (a cura di G. Ceccato)

23-06-2016, ph. Ceccato

20-06-2016, ph Trombetti


20-06-2016, ph Ceccato


18-06-2016, ph Ceccato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...